Seleziona una pagina

Alessandro Di Vicino Gaudio

Alessandro Di Vicino Gaudio nasce a Napoli nel 1985. Attualmente vive e lavora a Milano.

Si diploma nel 2004 in Pittura all’istituto statale d’arte ”F. Russoli” di Pisa.

Nei suoi dipinti cerca di ricreare i grandi sconvolgimenti del nostro tempo e la loro influenza sul genere umano. Le sue opere, nate dalla contaminazione tra pittura e video, si caratterizzano per la continua ricerca del movimento attraverso l’utilizzo di particolari video all’interno del dipinto.

Nel 2016 realizza “HYBRIDS”, mostra personale con la Galleria Schubert a cura di Lavinia Frasca, che include pezzi della serie “Organic and Bionic” in cui si avvicina l’idea di contaminazione tra uomo e tecnologia, ma anche tra pittura e video, con uno scambio dei ruoli, l’ambiguità dei significati tra il raggiungimento dei sogni più affascinanti e “l’insufficienza” di una umanità diventata “androide”.

Nel 2017, è il momento di “EGO-JUMP-A DIVE INTO THE FUTURE” a cura di Giulia Kimberly Colombo in cui approfondisce i temi, già trattati nella mostra precedente, ponendo maggior attenzione sulle problematiche della società attuale.

Nel 2018 realizza un’opera murale con monitor video integrati per “Kanpai-japanese hangout” in via Melzo 12, Milano e la personale “Nuntio vobis Gaudio-DEADLY SINS-The mirror of a society” che tratta i vizi capitali reinterpretati nella società contemporanea.

Vincitore, con il trittico ICON MAKES ICONS, del contest “Art on iconic shapes” che gli ha permesso di esporre a Milano e Bari con artisti quali Banksy e Obey, finalista a Firenze del premio d’arte attuale “EneganArt 2017” con l’opera ENTERTAINMENT WAR e, nel 2019, selezionato tra i 10 finalisti nella sezione Street Art del Premio “Artefici del nostro tempo” indetto dal Comune di Venezia con il progetto “WELCOME HATE” che verrà esposto nel contesto della prossima 58 Esposizione Internazionale d’Arte – La Biennale di Venezia.

La collaborazione con la Floris Art Gallery risale al 2019.  

Site specific installation

Opere del progetto site specific